Capelli tra scultura e creatività

Joanne Petit-Frere3

Joanne Petit-Frere

Joanne Petit-Frere1Capelli tra scultura e creatività.

Curiosando nel web riesco sempre ad apprezzare persone che violano le norme del conformismo e che riescono a sorprendere nel bene e nel male: Artisti.

Sono loro che voglio omaggiare, poche righe per descrivere l’ammirazione per le infinite possibilità di creazione che vanno aldilà della quotidianità, anzi è proprio da qui che partono le mode che riscontriamo tutti i giorni. Un pizzico di “pazzia” nella normalità che tende a modificarsi di stagione in stagione e di anno in anno.

Inizierei con chi utilizza le trecce di capelli ricavandone dei tessuti artistici e unici, per trasformarli in maschere come quelle di Joanne Petit-Frere.

 

tagli londra

 

Dalle stravaganze di Londra alle parrucche più eclatanti e creative a Damien Carney.

Naturalmente non si tratta di look con cui uscire per andare a lavoro, né tanto meno per una serata di gala, ma di vere e proprie sculture di capelli dove la tecnica spazia in un flusso di creatività fuori da ogni controllo.

londra tagli2

 Dalle acconciature alle parrucche utilissime per le sfilate dove la creatività ha quasi l’obbligo di strafare.

Colpire il target con espressioni grottesche e allo stesso tempo sensuali.

londra tagli1

 Più si è bizzarri e più si rende popolare la creazione, anche se a volte l’ego dell’artista domina sull’arte stessa, esaltando il personaggio più della creazione e buttando nel mare confusionario gossip del

parrucchepopulino.

Alcuni parlano di sculture viventi, sarebbe come donare una “anima” alla scultura quest’ultima visibile e dotata di un movimento studiato perfezionato come quello delle modelle che si prestano a questi esperimenti artistici in continua evoluzione, la mia ammirazione va anche a loro.

Grazie di cuore a tutte le modelle!

parrucche1

parrucche2

 

Comments are closed.